11 Gennaio 2018  14:27

Discovery Italia sopra il 7% nel 2017

Eliana Corti
Discovery Italia sopra il 7% nel 2017

Alessandro Araimo, General Manager Discovery Italia

L’editore registra il 9,3% sul target commerciale e si conferma terza realtà sul mercato italiano

Discovery Italia si conferma nuovamente terzo editore italiano per share, sia sul target individui che su quello commerciale. Il portfolio del gruppo ha registrato nel 2017 uno share complessivo pari al 7,1% sugli individui (+4% sul 2016) e pari al 9,3% sul target commerciale (+5%). I “big friday” dell’autunno con Fratelli di Crozza su Nove e Bake Off su Real Time hanno portato il portfolio a realizzare l’8,5% in prime time e il 10,6% sul target commerciale. In prima serata il portfolio è cresciuto del 10%, portandosi al 5,8%, con Nove all’1,6% (+59% vs 2016). Eurosport (che quest’anno ospiterà le Olimpiadi invernali) è cresciuto del 36%, in particolare grazie agli appuntamenti degli Australian Open, Roland Garros, Us Open di tennis; Giro, Tour e Vuelta di ciclismo. Per DMax, la maggiore hit è stato l’incontro del Six Nations Italia-Galles, che ha registrato quasi 900mila spettatori e 4,7% di share. Sul fronte pay, Discovery Channel si è confermato leader dell’area 400 di Sky. DPlay conta su quasi 2mln di utenti unici al mese (+57%), mentre le pagine Facebook del portfolio hanno registrato oltre 335mln di video visti. Bene anche l’andamento della concessionaria Discovery Media, che conferma la crescita a doppia cifra rispetto al 2016.

Contenuti correlati : discovery italia ascolti alessandro araimo

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 05 Dicembre 2017
    NON TUTTE LE AUDIENCE SONO UGUALI
     Le reti commerciali europee fanno muro, frapponendo un argine tra loro e la concorrenza del web, e nella fattispecie...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 21 Gennaio 2009
    Dgtvi: da giugno Tivù Sat
    Partirà a giugno Tivu Sat, la piattaforma satellitare frutto della colalborazione tra Rai Mediaset (al 48% ciascuna) e TiMedia (4%).