22 Aprile 2004  00:00

Pirateria: in Italia danni per 4,2 miliardi di euro nel 2003

THAA

Lo dice uno studio condotto dalla camera di commercio americana basata anche su dati Fapav. Ammonta a 1,5 miliardi di euro la perdita erariale legata alla contraffazione audiovisiva

Secondo un’indagine effettuata dalla Camera di Commercio americana basata anche su dati Fapav il fenomeno della contraffazione audiovisiva e informatica (Cd, Dvd, software e videogame) nel 2003 ha comportato un danno economico nel nostro Paese quantificabile in circa 4,2 miliardi di euro. A questo dato va aggiunto quello che identifica la perdita dell’erario per l’evasione fiscale legata alla pirateria: 1,5 miliardi di euro. Sempre secondo l’indagine il dato rilevato rappresenta in realtà solo una parte molto modesta (un decimo circa) dell’intero fenomeno che in gran parte rimane quindi sommerso.

ACCADDE OGGI