23 Novembre 2015  12:56

Csil: crescita dell’1% per il settore del mobile

Silvia Mussoni
Csil: crescita dell’1% per il settore del mobile

L’istituto di ricerca presenta i dati per il triennio 2016-2018

Per il settore del mobile, in Italia, il 2015 ha segnato la fine della caduta dei consumi e per il prossimo triennio si prospetta una crescita di circa l’1%. È questa la previsione dell’istituto di ricerca Csil, che venerdì scorso ha presentato le proprie analisi sugli anni a venire. Sara Colautti, socia di Csil, ha descritto un “clima di fiducia da parte delle famiglie già migliorato, anche sull’opportunità all’acquisto di beni durevoli. Altre notizie positive vengono dal mercato delle compravendite immobiliari, salito del 6,7% nel 2015 e che dovrebbe crescere del 5,8% nel 2016”. Oltre a questi fattori, per l’acquisto di mobili hanno fatto e faranno da traino anche il bonus Mobili e ristrutturazioni e il contenimento dell’inflazione. Per il 2016 si prevede un “consolidamento delle tendenze registrate nel 2015: il mercato interno mostrerà i primi segnali di crescita (+1,2% in termini reali), sostenuto dall’andamento sempre positivo delle vendite sui mercati internazionali nonostante un rallentamento della domanda estera. Il reddito delle famiglie è previsto in crescita dell’1,6%. Le esportazioni cresceranno del 4%”. Nel 2017 “la domanda interna beneficerà anche della ripresa degli investimenti in edilizia residenziale, del miglioramento delle condizioni creditizie e del calo del tasso di disoccupazione”. Infine, per il 2018 è previsto un incremento dell’economia italiana dell’1,3% e per il settore del mobile “una nuova crescita del mercato interno sostenuta anche dal buon andamento del mercato del lavoro, dalla ripresa del mercato immobiliare e da esigenze di sostituzione”.

 

Stefania Tomasini, responsabile delle analisi e previsioni per l’economia italiana di Prometeia, che ha allargato l’orizzonte dal settore del mobile all’economia nel suo complesso, ha sintetizzato con la parola ‘desincronizzazione’ la fase congiunturale che stiamo vivendo a livello mondiale: “Nel 2015 sono arrivate da un lato notizie sempre più allarmanti da parte delle economie emergenti come la caduta della borsa cinese, le difficoltà del Brasile, la recessione in Russia. Contemporaneamente abbiamo avuto notizie sempre migliori da parte delle economie avanzate come Stati Uniti, Europa e soprattutto Italia, dove la ripresa si è davvero avviata”. Il dato positivo, spiega Tomasini, è che in Italia “sono aumentate le imprese con diversificazione geografica delle esportazioni”. La tavola rotonda del seminario è stata dedicata all’“Italia che investe”, coinvolgendo una serie di realtà che in questi anni di crisi hanno continuato a investire e non si sono lasciate cogliere impreparate dalla ripresa. Tra queste Meneghetti-Fulgor Milano e la rete Vede.

Contenuti correlati : desincronizzazione Csil previsioni mobili arredamento economia crescita
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 16 Ottobre 2020
    Nonostante tutto
    Dopo la moda, a Milano arriva il design. Si tratta della neonata Milano Design City, tredici giorni di eventi, incontri,...
Arianna Sorbara - Progetto Cucina

ACCADDE OGGI

  • 20 Ottobre 2015
    Scavolini Store, due nuove aperture
    Lo scorso 10 ottobre sono stati inaugurati i nuovi Scavolini Store di Bologna e Concesio (Bs). Il punto vendita di Bologna - che nasce dal rapporto tra

Ricevi la Newsletter!

Cucine e Built In

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy