24 Settembre 2015  12:23

“La nostra priorità? Una gestione dei Raee davvero efficiente”

Roberta Broch
“La nostra priorità? Una gestione dei Raee davvero efficiente”

Alberto Canni Ferrari, country general manager

di Erp Italia

Alberto Canni Ferrari, country general manager di Erp Italia, sottolinea le particolarità del sistema collettivo paneuropeo

“Siamo atipici nel panorama dei sistemi collettivi che operano in Italia e teniamo a questa nostra particolarità”. Così si è presentato Alberto Canni Ferrari, country general manager di Erp Italia, durante il primo vero e proprio evento stampa di questo sistema collettivo paneuropeo, fondato nel 2002, che ha come soci fondatori Electrolux Sony, Hp e Gillette Braun (oggi P&G), presente in 14 Paesi dell’Unione Europea.

Costituitasi come srl, questo mese, precorrendo gli obblighi di legge, Erp ha cambiato ragione sociale diventando società consortile. Le attività proseguono così attraverso due realtà distinte: Erp Italia, il sistema collettivo cui fa capo l’attività tipica ed Erp Italia Servizi, la società di servizi, che ha in carico l’organizzazione e realizzazione degli aspetti esecutivi relativi al sistema di raccolta e gestione dei Raee e dei Rpa (pile a accumulatori), così come l’esecuzione di ulteriori attività operative, organizzative, amministrative, contabili, commerciali e consulenziali.

 

Durante l’incontro, a cui ha partecipato anche Chiara Parapini, EHS Regional manager South East Europe and Germany di Black & Decker, che ha raccontato la sua esperienza di collaborazione con il sistema collettivo, è stato sottolineato come la priorità di Erp sia una gestione davvero efficiente dei Raee, con un focus specifico sulla trasparenza, soprattutto nei costi: “Vogliamo distinguerci in questo campo, con un servizio alle aziende che combini un supporto concreto, anche nell’adempimento degli obblighi di legge, così come di saving” rimarca Canni Ferrari. “Per questo, a differenza di altri sistemi collettivi, il nostro metodo di finanziamento non prevede l’applicazione di un eco contributo al produttore ma il pagamento di un prezzo per tonnellata raccolta e trattata. I nostri prezzi sono restati pressoché invariati fatto salvo, dall’inizio dell’anno, una riduzione su apparecchiature freddo e clima e un adeguamento mirato a far fronte all’aumento dei nuovi premi di efficienza per i grandi elettrodomestici, previsti dal nuovo accordo di programma tra Produttori, Cdc Raee, Associazioni delle imprese che effettuano la raccolta e Anci”. Il sistema collettivo ha voluto mettere l’accento, infine, sulla grande importanza attribuita alle attività di sensibilizzazione dell’utente finale, bambini in primis, raccontando le molteplici iniziative di cui è stata protagonista negli anni.

Contenuti correlati : Alberto Canni Ferrari Erp Italia gestione Rpa raccolta Raee rifiuti
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI

  • 25 Novembre 2015
    Raee, trionfa l’illegalità
    È stata presentata oggi a Roma una ricerca sul funzionamento del mercato dei Raee a livello europeo, dal titolo “Countering Weee Illegal Trade”