13 Giugno 2000  00:00

Internet: rapporto sulla diffusione nelle scuole italiane

(cat)

L’indagine condotta dalla società Sirmi, realizzata con il contributo di Microsoft indica dati positivi in crescita per la presenza del Pc mentre la rete non decolla

Il rapporto sulla diffusione dei Pc e di Internet nelle scuole e nelle università italiane, commissionato da Microsoft e presentato ieri a Roma in presenza del ministro della Pubblica istruzione Tullio De Mauro, indica dati positivi in crescita, per quanto riguarda i personal computer nonostante il forte ritardo rispetto ad altri paesi europee. Internet non ha ancora la diffusione aspettata.Dallo studio, condotto su un campione di 2.050 enti pubblici e privati, campione rappresentativo di 17.045 istituti, emerge che in Italia nelle scuole inferiori e superiori sono presenti 337mila computer, ovvero un computer ogni 23 studenti. Le scuole private dispongono mediamente di 13,7 computer contro i 25,8 delle scuole pubbliche.Sempre secondo il rapporto, l'82,5% dei Pc viene utilizzato per fini didattici mentre il rimanente 17,5% è utilizzato per l’amministrazione. Per quanto riguarda la diffusione di aule e laboratori di informatica sono presenti nel 77,3% delle scuole pubbliche inferiori e nel 98,6% di quelle superiori. Gli istituti privati anche in questo caso sono meno attrezzate: solo il 68,3% delle scuole private inferiori dispone di un laboratorio informatico, percentuale che sale al 70,4% nelle scuole private superiori.La crescita della diffusione della rete è costante ma non ancora sufficiente. Un esempio arriva dal numero di computer che nelle scuole e nelle università è collegato ad Internet. Nelle scuole inferiori questa percentuale è del 61,2% per le pubbliche e del 45,8% per le private. Nelle scuole superiori si arriva al 93,1% per le pubbliche e al 63,2% per le private. La quasi totalità di università e istituti di ricerca ha un accesso alla rete.Una nota di colore è rappresentata dal fatto che l'11,9% delle scuole inferiori ha allestito un proprio sito anche se nella maggior parte dei casi sono di carattere puramente informativo. Entrando nello specifico delle caratteristiche dell'hardware utilizzato dagli istituti, il rapporto ha fatto emergere che la maggioranza dei computer installati è corredato da un processore Intel Pentium e da Ram compresa tra i 16 e i 64 megabyte.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI