13 Gennaio 2021  09:10

Streaming: avanti tutta

Eliana Corti
Streaming: avanti tutta

©pixabay

In Europa presenti almeno due abbonamenti per famiglia, negli Usa 4. Nel futuro, sempre più aggregatori e modelli di business ibridi. Il ruolo dei broadcaster tradizionali

La tv in streaming continua a crescere: secondo gli ultimi dati di Ampere Analysis, infatti, oggi ci sono oltre 400mln abbonamenti tra gli Usa e i cinque principali mercati europei occidentali. Si tratta di una media di quattro abbonamenti a famiglia per gli Usa e due in Europa occidentale: in entrambe le aree, evidenzia la società di ricerca, il 10% delle famiglie “svod” hanno già attivi almeno cinque servizi. La pandemia e l’isolamento hanno portato a un’accelerazione della già rapida crescita del mercato, che ora obbligherà a un cambio strategico nei modelli di business che andrà a impattare tutta la supply chain fino al consumatore. Tra gli eventi che hanno galvanizzato il settore, Ampere elenca lo sviluppo dei servizi avod, i lanci dei servizi streaming degli studios, il rafforzamento dei servizi locali a firma dei brodcaster e, ovviamente, tutte le conseguenze sulla circolazione dovute al diffondersi del Covid-19. Tutti cambiamenti che si rifletteranno sullo sviluppo del mercato.

L’EVOLUZIONE. Come già altri analisti hanno evidenziato, il proliferare delle offerte porterà alla nascita di servizi multi-streaming a pacchetto, che permetteranno dunque l’accesso a più offerte da un solo punto di accesso, come già accade con piattaforme quali Roku (che ha recentemente acquisito la library di Quibi), Amazon Fire e Sky Q. Allo stesso tempo, si svilupperanno anche joint-venture come quelle di BritBox (Bbc, Itv) e Salto (France Télévisions, Tf1, M6) che permetteranno ai singoli broadcaster di entrare in altri territori.

2 MILIARDI IN 5 ANNI. A evidenziare la crescita del mercato anche l’ultimo report di Juniper Research, OTT TV & Video Streaming: Evolving Trends, Future Strategies & Market Forecasts 2020-2025, che stima che entro il 2025 ci saranno quasi due miliardi di abbonamenti a servizi streaming, per un incremento del 65% dal 2020. La crescita, secondo gli analisti, sarà guidata dai broadcaster tradizionali, che metteranno a punto servizi ibridi (svod+avod), così da poter generare ricavi sia dagli abbonamenti (il cui costo resterà basso) che dalla raccolta pubblicitaria. Un modello, oggi, seguito per esempio da Discovery con Discovery+ e da Nbc con Peacock. Secondo Juniper Research, infatti, la spesa pubblicitaria su questi servizi sarà pari 1,4mld di dollari nel 2025.

Contenuti correlati : juniper research svod streaming avod ampere analysis ott
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 14 Dicembre 2020
    E ora?
    Cosa fare ora che il Natale è perso, che i cinema (se non ci comporteremo bene durante le festività) riapriranno verso...
Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy