05 Dicembre 2017  17:33

Cinema! Italia!, vince Amelio

redazione
Cinema! Italia!, vince Amelio

Gianni Amelio e Giovanna Mezzogiorno sul set de La tenerezza (foto C.Iannone)

La tenerezza premiato dal pubblico tedesco

È La tenerezza di Gianni Amelio il film vincitore della 20° edizione di Cinema! Italia!, la rassegna organizzata dall’associazione Made in Italy, con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dell’Istituto per il Commercio Estero e il supporto dell’Ambasciata d’Italia e degli Istituti Italiani di Cultura in Germania, protrattasi per tre mesi, a partire da settembre, e svoltasi in 30 città tedesche, con la partecipazione in alcune tappe di registi ed attori dei film selezionati. Nel corso delle diverse proiezioni al pubblico, è stata consegnata una scheda di votazione in cui gli spettatori potevano esprimere il proprio gradimento sul film visto e La tenerezza è risultato il titolo che ha ottenuto i maggiori consensi. Il momento conclusivo della manifestazione avrà luogo sabato 9 dicembre a Berlino, presso il cinema Babylon. Nel corso di una breve cerimonia, sarà consegnata a Gianni Amelio la targa riservata al film vincitore. La casa di distribuzione Kairos Film ha già segnalato il proprio interesse ad acquisire La tenerezza per la Germania. Oltre a La tenerezza, la selezione della 20° edizione della tournée di Made in Italy comprendeva altri cinque film di recente produzione, tutti appositamente sottotitolati in tedesco: Fiore di Claudio Giovannesi; Indivisibili di Edoardo De Angelis; Lasciati andare di Francesco Amato; L’ora legale di Salvo Ficarra e Valentino Picone; La ragazza del mondo di Marco Danieli.

Contenuti correlati : made in italy amelio la tenerezza

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

Stefano Radice

ACCADDE OGGI

  • 19 Dicembre 2003
    Biennale: annullato il cda di lunedì 22
    E’ stata rinviata la riunione del cda della Biennale di Venezia già fissata per lunedì; lo ha comunicato ieri il presidente della Biennale Franco Bernabè.