17 Gennaio 2003  00:00

Censura: entro giugno i nuovi criteri del Ministero

BOSr

Ci sta lavorando Michele Lo Foco, da un mese nel cda di Cinecità Hoding, su richiesta del ministro Urbani. Previsti due sbarramenti, uno a 8 anni e il secondo tra i 12 e i 14 anni

Entro giugno sarà pronto un nuovo progetto che rivede i criteri di divieto per la visione dei film. Ci sta lavorando Michele Lo Foco, da un mese nel Cda di Cinecittà Holding, su richiesta del ministro per i Beni e le Attività Culturali Giuliano Urbani. “Il primo criterio – spiega a e-duesse lo stesso Lo Foco – è quello di tutelare i più piccoli. In Italia abbiamo un sistema di censura i cui riscontri finali non sono confortanti. Siamo l’unico Paese in cui si possono vedere dei film che in altri Stati sono vietati. Stiamo lavorando a questo documento che non intaccherà la libertà artistica degli artisti e che speriamo possa essere fatto suo dal ministro Giuliano Urbani”. Due gli sbarramenti previsti: il primo a 8 anni e il secondo a 12, 13 o 14 anni con o senza presenza dei genitori. “Al centro del testo ci sarà anche il criterio di responsabilità civile: un adulto potrà richiedere il rimborso del biglietto nel caso in cui un esercente non rispetti per la proiezione di un film i nuovi criteri di sbarramento”. Saranno i produttori a farsi carico di indicare attraverso tutti i mezzi di comunicazionela classificazione di una detrminata pellicola.

Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

  • 21 Settembre 2009
    Avatar di Cameron esce il 15 gennaio?
    Avatar di James Cameron, l’attesissimo film in uscita anche in 3D, dovrebbe uscire il 15 gennaio. Forti indiscrezioni, provenienti dal mondo dell...

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy