28 Settembre 2012  12:04

I Raee sotto la lente

TBrb
I Raee sotto la lente

Ecodom ha commissionato uno studio sulle abitudini di utilizzo e la dismissione di questa tipologia di rifiuti

Il rapporto fra Italiani e Raee, con un focus sulle abitudini di utilizzo e la dismissione di questa tipologia di rifiuti. È questo il tema del rapporto che Ecodom ha commissionato a Unu, United nations university, in collaborazione con Ipsos e Politecnico di Milano. Una parte importante di questo studio è rappresentata da un’indagine sul tema effettuata da Ipsos su un campione di 3.262 famiglie.
 I risultati, comunicati ieri, sono particolarmente significativi: 
quest’anno, il 50% delle famiglie italiane ha diminuito rispetto al 2011 la propria spesa totale per l’acquisto di Aee (apparecchiature elettriche ed elettroniche). Tra i grandi elettrodomestici, quelli che con maggiore frequenza sono presenti nelle case degli italiani sono la lavatrice (95%), il frigorifero (84%), le cappe (77%) e i forni (64%). Tra gli elettrodomestici per la casa, i più presenti sono i ferri da stiro (97%) e gli aspirapolvere (87%), seguiti da trapani (67%) e frullatori (66%). Il mouse è in testa alla classifica degli apparecchi elettronici: ce n’è almeno uno nel 72% delle famiglie, davanti alle stampanti (63%), alle tastiere (59%) e ai laptop (57%). Infine, nella categoria audio video/hi-fi/giochi, spiccano i tv flat screen (75%) e le macchine fotografiche digitali (73%), mentre sono più indietro i lettori mp3 portatili (49%) e le consolle per videogame (40%).
Interessanti sono i dati relativi alle Aee ancora presenti in casa anche se non più utilizzate: in questa categoria troviamo i condizionatori portatili (inutilmente tenuti tra le mura domestiche nel 32% dei casi), le friggitrici (32%), i macinacaffè (31%), i bollitori (26%), i monitor a tubo catodico (38%), i videoregistratori a cassetta (43%), gli spazzolini elettrici (16%) e i rasoi (12%). A livello generale, quasi il 19% delle apparecchiature possedute da ciascuno nucleo famigliare non è utilizzato.


La ricerca ha anche indagato le modalità di dismissione dei Raee. I risultati sembrano complessivamente positivi per quanto riguarda i grandi elettrodomestici, salvo le eccezioni dei boiler elettrici e dei condizionatori portatili che rispettivamente nel 5% e nel 10% dei casi sono stati eliminati in maniera scorretta, e cioè tra i rifiuti generici. La situazione è più critica per i piccoli elettrodomestici: qui le cattive abitudini nella dismissione dei Raee arrivano al 28% dei casi nei frullatori, al 37% nei bollitori, al 13% nei tostapane. Valori alti anche per mouse (36%) e tastiere (14%), ma soprattutto per le cuffie senza filo (56%) e gli spazzolini da denti elettrici (41%).



Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

ACCADDE OGGI

  • 24 Ottobre 2019
    Dyson protagonista della promo Unieuro
    Unieuro, ha lanciato una nuova promozione dal titolo “Tanto ti dà tanto” valida dal 24 ottobre al 10 novembre nei punti vendita dell’insegna.

Ricevi la Newsletter!

Bianco e Ped

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy