25 Ottobre 2019  12:07

Si lavora per arrivare a una European Water Label

Elena Rembado
Si lavora per arrivare a una European Water Label

Lo standard dovrebbe includere un test di funzionalità volto a garantire l’idoneità del prodotto per i consumatori, anche a fronte di un impiego di acqua contenuto

La Commissione europea (Direzione Generale Ambiente) ha contattato il Comitato europeo di normazione (CEN) per aggiornamenti sul programma di lavoro che dovrebbe portare alla realizzazione di un nuovo standard di riferimento per “Rubinetti e docce” relativo allo schema di classificazione “water label”. Come si legge nella newsletter di Angaisa, lo standard dovrebbe includere un test di funzionalità volto a garantire l’idoneità del prodotto per i consumatori, anche a fronte di un impiego di acqua contenuto. Qualora la “water label” unificata non dovesse essere adottata da almeno l’80% del mercato europeo e in assenza di uno standard condiviso, si andrebbe comunque verso l’imposizione di una etichettatura obbligatoria. Paolo Pastorino, presidente di Assobagno di FederlegnoArredo, ha ribadito che «per l’industria italiana dell’ambiente bagno i temi della sostenibilità e del risparmio idrico sono elementi centrali: sia nell’ottica di un uso equilibrato di risorse limitate, sia in termini di competitività e valorizzazione del made in Italy sui mercati globali».

Comments

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 05 Novembre 2019
    Cambiare prospettiva
    Facciamo un breve punto. Il settore arredamento negli ultimi tre anni ha evidenziato una crescita importante.
Arianna Sorbara Ab - Abitare il bagno

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Bagno

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy