05 Aprile 2018  10:38

Salone del Bagno: parla il retail (2a parte)

Antonio Allocati
Salone del Bagno: parla il retail (2a parte)

Da sinistra: Francesca Bonomi, di Acquatica (Cologne – Bs); Davide Felici di Innova (Palermo); Simone Solagni di Miar (Cinisello Balsamo – Mi)

Prosegue la serie di interventi che abbiamo chiesto ai retailer, in attesa del Salone del bagno. Ecco la seconda parte, in cui emergono il loro punto di vista e soprattutto i suggerimenti per rendere la manifestazione ancora più vicina alle loro esigenze

Francesca Bonomi, responsabile showroom di Acquatica (Cologne – Bs)

Ho sempre grandi aspettative; credo che uno dei suoi punti di forza siano gli eventi organizzati durante la settimana, un’ottima occasione di incontro tra produttori e distributori che contribuiscono a creare nuove sinergie, collaborazioni e interessanti opportunità anche in chiave b2b. Dal punto di vista del retail sarebbe interessante però l’idea di organizzare più convegni mirati, magari anche una “tavola rotonda” di confronto che coinvolga varie figure di rilievo del settore. Potrebbe essere un’occasione per poter parlare e coinvolgerci, ancora più approfonditamente, su design, Made in Italy, export.

Davide Felici, co-titolare di Innova (Palermo)

Non ho sostanziali appunti da muovere a quella che, anche per noi retailer è una manifestazione irrinunciabile. Apprezzo l’indirizzo che ha, esplicitamente votato alla progettazione e devo dire che soprattutto nei giorni della Design Week noi abbiamo sempre colto degli spunti interessanti per gli allestimenti del nostro punto vendita, idee e stimoli per l’abbinamento di prodotti in esposizione. Che ci permettono di distinguerci. Però, visto che si può sempre migliorare mi piacerebbe si potesse ipotizzare un convegno di alto livello, durante le giornate della fiera, in cui discutere di nuove tematiche legate alla progettazione ma creato pensando al coinvolgimento di noi rivenditori.

Simone Solagni, co-titolare di Miar (Cinisello Balsamo – Mi)

Ciò che auspico è che venga dato maggiore spazio ad aree, spazi e momenti dedicati a un argomento chiave come è oggi la formazione, mi riferisco a quella rivolta ai rivenditori. Vorrei si organizzassero opportunità nuove per la crescita professionale di chi lavora in sala mostra e che deve aggiornarsi costantemente alle evoluzioni del mercato. Non è sufficiente fare solo presenza in fiera, occorre affrontare tutte le nuove tematiche legate alla crescita professionale degli addetti alla vendita. E il Salone potrebbe essere un’occasione importante in questo senso.

Contenuti correlati : acquatica innova miar disrtibuzione retail salone showroom fiera

EDITORIALISTI

  • 24 Settembre 2018
    Segnali chiari
    Nelle stagioni appena passate le strategie dell’industria sono state orientate in modo sempre più deciso verso i clienti rivenditori.
Arianna Sorbara Ab - Abitare il bagno

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Bagno

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy