Editorialisti

03 Febbraio 2020

Forzati alla crescita

Chiara Grianti

Cosa succederà nel 2020? Non avendo la sfera magica non possiamo dirlo, ma possiamo indubbiamente osservare dei trend che sono emersi lo scorso anno e che attualmente sono in divenire.

Le multinazionali stanno crescendo attraverso l’aggregazione di un numero sempre maggiore di brand. Vi ricordiamo le ultime operazioni in ordine cronologico: l’accordo di licenza tra Prada e L’Oréal e l’acquisizione di una quota di maggioranza di Kylie Cosmetics da parte di Coty.

I retailer, da parte loro, non stanno a guardare e mirano a consolidare la propria market share. Come? O accrescendo il proprio numero di punti vendita - per acquisizione come ha fatto Rossi Profumi o per aperture dirette come Pinalli - o scegliendo la via dell’aggregazione in gruppi. Quest’ultima, infatti, consente - semplificando ai minimi termini - di avere maggiore potere contrattuale e maggiore visibilità in termini di marketing e comunicazione.

La strada è già stata tracciata in mercati diversi da quello del beauty e l’evoluzione non può che essere questa, l’unica possibile per fare una seria concorrenza a colossi internazionali come Douglas e Sephora.

Ciò che conta è fare tesoro della propria unicità e del proprio legame con il territorio per non tradire le aspettative e le esigenze della propria clientela.

Chiara Grianti

Nata a: Castellanza (Va) il 26 agosto 1977
In Editoriale Duesse dal: 1 aprile 2004
Mi piace: ridere, John Belushi, passare del tempo con mia figlia Olivia e il buon senso
Non mi piace: il lunedì e tutte le giornate che sembrano dei lunedì
Quando non scrivo su BEAUTY BUSINESS mi occupo di: giocare con Olivia!
Citazione: “Ti prego, non ucciderci. Ti prego, ti prego non ucciderci. Lo sai che ti amo, baby. Non ti volevo lasciare, non è stata colpa mia. (…) Non ti ho tradito, dico sul serio, ero rimasto senza benzina. Avevo una gomma a terra, non avevo i soldi per prendere il taxi, la tintoria non mi aveva portato il tight. C’era il funerale di mia madre ed è crollata la casa. C’è stato un terremoto, una tremenda inondazione, le cavallette! Non è stata colpa mia, lo giuro su Dio!” John Belushi all’ex fidanzata Carrie Fisher, The Blues Brothers


Archivio